Gli squilibri emotivi e... fisici

Gli squilibri emotivi e... fisici

  • Data:
  • News

Le emozioni sono una reazione psico-fisica e comportamentale ad un evento, essenzialmente sono impulsi ad agire, per gestire in tempo reale le emergenze della vita. Sono una forma di comunicazione, per noi stessi e per gli altri, che fa capire cosa effettivamente vogliamo e quali sono i nostri traguardi e i nostri obiettivi in quel dato frangente.

Oltre alla componente emotiva si associa anche quella fisica attraverso la secrezione degli ormoni dello stress o del benessere (catecolamine, cortisolo, endorfine ed enkefaline).

La medicina tradizionale cinese afferma che tutte le malattie e le sofferenze fisiche di origine interna nascano da uno squilibrio di tipo emotivo.

 

Nel dettaglio, si può parlare di sette emozioni:

 

Gioia

La gioia si riferisce ad uno stato di agitazione o di sovreccitazione.

L’organo più colpito è il cuore.

La superstimolazione può portare a problemi di fuoco di cuore, connesso con sintomi quali sensazioni di agitazione, insonnia e palpitazioni.

 

Rabbia

Nasce da un evento percepito come ostacolo intenzionale, da parte di qualcuno, alla realizzazione di un bisogno o a proteggersi da una intrusione.

Essa può indirizzarsi verso la persona provocante o  qualcosa di diverso (spostamento dall’obiettivo originale) oppure può essere rivolta patologicamente verso sé stessi (autolesionismo)

La rabbia copre l’intera gamma delle emozioni correlate, compresi risentimento, irritabilità e frustrazione.

Una stasi di sangue rende la persona incline all’ira. La rabbia sarà quindi in grado di influenzare il fegato, e ciò può portare alla risalita dell’energia del fegato alla testa, con conseguente cefalea, vertigini e altri sintomi. A lungo andare può portare a pressione alta e può causare problemi allo stomaco e alla milza.

 

Ansia

L’Ansia ferisce i polmoni, che amministrano la respirazione. I sintomi più comuni di ansia estrema sono la ritenzione del respiro, la respirazione poco profonda e irregolare. La mancanza di respiro sperimentato durante i periodi di ansia è comune a tutti. L’ Ansia ferisce anche l’organo accoppiato ai polmoni, il grosso intestino. Le persone iper-ansiose sono maggiormente inclini alla colite ulcerosa.

 

Rimuginazione

La Rimuginazione o la concentrazione sono considerate il risultato del pensare troppo o di un’eccessiva stimolazione mentale ed intellettuale. Qualsiasi attività che comporti un eccessivo sforzo mentale, può comportare il rischio di causare disarmonia.

L’organo più direttamente a rischio è la milza. Questo può portare a sua volta preoccupazione e conseguente affaticamento, letargia, e incapacità di concentrarsi.

 

Dolore

Il dolore che rimane irrisolto è in grado di creare squilibrio nei polmoni. I polmoni sono più direttamente coinvolti da questa emozione.

Un’espressione sana del dolore può essere espressa in forma di singhiozzi, che originano nel profondo dei polmoni – respiro profondo ed espulsione dell’aria con il singhiozzo.

Tuttavia il dolore che rimane irrisolto e diventa cronico, è in grado di creare disarmonia nei polmoni.

 

Paura

La paura è un’emozione umana normale e adattativa umana. Ma quando diventa cronica e la causa non può essere individuata e risolta, allora è probabile che porti alla disarmonia.

Gli organi più a rischio sono i reni. In caso di estrema paura, la capacità del rene può essere compromessa portando alla minzione involontaria. Questo problema si riscontra soprattutto nei bambini.

 

Spavento

Lo spavento è un’altra emozione non specificamente correlata ad un solo organo.

Si distingue dalla paura per la sua natura improvvisa e inaspettata.

Lo spavento colpisce principalmente il cuore, soprattutto nelle fasi iniziali, ma se persiste per un certo tempo, diventa paura e si sposta ai reni.

 

Le emozioni fanno parte della vita dell’essere umano e sono perfettamente naturali. Quando però accade l’identificazione con le storie della mente e agli stati emotivi, allora questi che sono oggetti che passano nella Coscienza diventano un soggetto che cresce a dismisura esponenzialmente creando squilibri nella nostra vita e nelle persone attorno a noi. Quando ritorna ad essere chiaro chi è il soggetto (Coscienza) e l’oggetto (emozioni, pensieri) allora tutto riacquista il naturale equilibrio.

 

Fonte: Dionidream.com