L’idea di cambiamento

L’idea di cambiamento

  • Data:
  • News

Il tema del cambiamento è da sempre al centro delle riflessioni manageriali: abbiamo a che fare con un mercato liquido ed in costante mutazione, e le aziende hanno necessità di crescere, rivalutando il proprio posizionamento. 

Il cambiamento è un processo costante, ma non esiste un solo modo per gestire il cambiamento.

La maggior parte delle persone che lavora in azienda spesso tende a subire gli eventi (e dunque anche i cambiamenti) relativi al proprio ambiente lavorativo, dal cambio del capo all’inserimento in un nuovo gruppo di colleghi, dal cambio di scrivania o di ufficio al cambio di strategia aziendale, e di conseguenza una delle competenze attualmente richieste a chi guida le persone sul lavoro è proprio quella di attuare il cambiamento senza creare demotivazione.

In base a quella che potremmo definire una “visione tradizionale”, il cambiamento viene affrontato come un processo di perdita e accettazione, di adattamento orientato alla crisi causata da un evento imposto e che sfocia in un nuovo status quo.

La “visione evolutiva”, invece, propone il cambiamento come risposta continua e rimodellazione di un ambiente dinamico attraverso lo sviluppo progressivo di capacità. Si tratta di un processo di crescita, senza il quale un sistema, un’organizzazione, un organismo, muore o si ammala. 

In quest’ottica, ciò che cambia viene recepito in modo proattivo, ossia anticipandolo e cercando di essere sempre al passo con il cambiamento; dunque, essendo capaci di ridurne al minimo gli aspetti più difficili, e persino trarne vantaggio.

Un’efficace gestione del cambiamento si fonda sulla messa a punto di meccanismi e processi atti ad anticipare, affrontare e risolvere la resistenza dei dipendenti, dei team e dell’intera organizzazione.

La gestione del cambiamento dipende anche dalla creazione di allineamento organizzativo e personale attraverso una efficace e costante comunicazione, formazione e accesso alle informazioni.

Le variabili organizzative che riguardano il cambiamento sono i sistemi e processi, la struttura, la cultura e stile di management, il personale e i ruoli. Al centro di esse si pongono la missione la strategia dell’azienda.

Tutto questo impone conseguenti revisioni del modello organizzativo dell’imprese e richieste di cambio di abitudini. Gli obiettivi aziendali cambiano, e con essi, anche le strategie e le strutture devono rinnovarsi e distaccarsi, se necessario, dai modelli precedenti.

 

Fonte: http://www2.supsi.ch/cms/pmforum/wp-content/uploads/sites/23/2018/07/SUPSI-WEBINAR-CHANGE-MANAGEMENT.pdf