L'importanza della diversità di genere nelle aziende

L'importanza della diversità di genere nelle aziende

  • Data:
  • News

Negli ultimi decenni, la composizione di genere all'interno della forza lavoro ha subìto cambiamenti degni di nota. L'aumento del numero di donne nelle organizzazioni lavorative può essere attribuito alle nuove legislazioni sulle pari opportunità di lavoro, alla pressione di concorrenti e di clienti e alla necessità di preservare il vantaggio competitivo mettendo all'opera le risorse più talentuose. Le organizzazioni che desiderano avere successo nell'attuale mercato economico devono riconoscere e valorizzare l'importanza della diversità di genere. Così facendo, viene spianata la strada ad un'immagine organizzativa positiva, a un minor numero di cause di discriminazione, alla maggiore capacità di assumere lavoratori  specializzati e qualificati. 

Coloro che valorizzano e sostengono la diversità, affermano che opinioni diverse provenienti da gruppi diversi (in questo caso, "gruppo maschile" e "gruppo femminile") possono condurre a decisioni di maggiore e migliore qualità, poiché contengono la presa in considerazione di alternative nel formulare giudizi in situazioni nuove. L'eterogeneità degli stili decisionali produce decisioni migliori attraverso la presenza di una più ampia gamma di prospettive e un'analisi maggiormente approfondita dei problemi. La diversità focalizzata sul genere è associata alla diversità cognitiva, poiché l'essere femminile è associato a diverse visioni percettive e potenziali soluzioni per i problemi. Dunque, aumentare il numero di top manager donne è una modalità da considerare per ampliare la gamma di prospettive cognitive a disposizione di un'azienda (finalizzata al riconoscimento di opportunità strategiche) e per gestire i cambiamenti ambientali. A questo proposito, si assiste ad un processo di creazione di senso. La creazione di senso è un processo adattivo, attraverso il quale le persone che compongono le organizzazioni elaborano le informazioni, interpretano il loro ambiente in base ad esse e agiscono. Avere manager, dipendenti e dirigenti che possiedono diverse prospettive e interpretazioni è fondamentale per la comprensione di ambienti complessi, sia all'interno che all'esterno dell'organizzazione, poiché la stessa realtà può essere percepita da personalità differenti in modi diversi ma complementari. La diversità di genere può quindi consentire alle aziende di raggiungere obiettivi e decisioni comuni, indipendentemente dal fatto che gli stessi significati o punti di vista vengano condivisi (Perryman et al. 2015).

Ieri abbiamo proposto un articolo in cui uno degli ingegneri di Google sminuiva il valore della donna ed il suo ruolo all'interno di situazioni lavorative. Oggi gli uomini non sono più visti come genere superiore e le donne non considerano il loro lavoro solo temporaneo. Raggiungere un posto di lavoro con un trattamento equo di genere richiede molto più che aumentare il tasso di dipendenti di sesso femminile; le politiche e le procedure dovrebbero essere adattate per includere le esigenze delle donne e la formazione sulla sensibilità di genere (Banfi, 2015). Tuttavia, nonostante i cambiamenti economici e sociali nel ruolo femminile, alcune convinzioni riguardanti le donne nei ruoli di leadership sembrano persistere e queste credenze apparentemente continuano a prosperare attraverso le culture, come conferma la tesi sostenuta dall'articolo proposto ieri. 

Il soffitto di cristallo (dall'espressione inglese glass ceiling) è una metafora che indica una situazione in cui l'avanzamento di carriera di una persona in una qualsiasi organizzazione lavorativa o sociale, o il raggiungimento della parità di diritti, viene impedito per discriminazioni, prevalentemente di carattere razziale o sessuale che si frappongono come barriere insormontabili anche se apparentemente invisibili. 

Invece che rafforzare gli stereotipi attribuendo a uomini e donne dei ruoli basati su una distribuzione tradizionale del lavoro, bisognerebbe misurare la loro disuguaglianza analizzando il risultato che essi raggiungono per uno stesso compito, ottenendo così una migliore comprensione di come queste differenze possano essere ridotte.