La sindrome della capanna

La sindrome della capanna

  • Data:
  • News

Nonostante l’apparente ritorno alla normalità, il Covid-19 non è scomparso del tutto ed il rischio di contagio è ancora presente. 

Per questo, la casa rappresenta certamente il luogo sicuro, e il dover ricominciare in uno stato pieno di incertezze diviene complesso.

Può essere successo a molte persone di uscire nuovamente dopo mesi di clausura forzata, e di sperimentare una sensazione mista di paura, insicurezza, tristezza o ansia. 

Questa dimensione emotiva è nota in psicologia come Sindrome della Capanna o sindrome del Prigioniero. Si tratta di un particolare fenomeno che si può creare in seguito a lunghi periodi di distacco dalla realtà, quando la persona è stata per diverso tempo isolata dalla vita quotidiana per svariati motivi. 

 

I sintomi più comuni possono essere reperiti tra questi:

  •         irritabilità 
  •         tristezza, paura, angoscia, frustrazione
  •         stato di letargia, sentirsi stanchi, avere difficoltà ad alzarsi al mattino, percepire malessere fisico, avere la necessità di riposare spesso
  •         demotivazione.

 

Per maggiori approfondimenti, è disponibile il video relativo al webinar che si è tenuto la scorsa settimana, in conversazione con lo psicologo del lavoro e psicoterapeuta Andrea Spatuzzi. 

 

https://youtu.be/Kx1j0ZrP6fs