Persone, Sicurezza e formazione

Persone, Sicurezza e formazione

  • Data:
  • News

Martedì è stata trattata la differenza tra individualizzazione personalizzazione in ambito formativo, focalizzandoci sul fatto che sia sempre più rilevante l’utilizzo di una didattica personalizzata, con forme efficaci e flessibili che tengano conto anche di caratteristiche peculiari dei soggetti adottando una metodologia e una strategia adeguate.

-      Una formazione di questa tipologia prevede l’attuazione di diverse strategie che aiutino il singolo lavoratore a raggiungere obiettivi ritenuti indispensabili per tutti, attraverso la definizione di tempi e modi in sintonia con le capacità e problematicità di ciascuno, per raggiungere i massimi risultati possibili nelle diverse aree proposte.

-      Nel rispetto degli obiettivi generali e specifici di apprendimento, la didattica personalizzata prende forma attraverso l’impiego di una varietà di metodologie e strategie didattiche, tali da promuovere le potenzialità e il successo formativo in ogni persona: l’uso dei mediatori didattici (schemi, mappe concettuali, etc.), una maggiore attenzione agli stili di apprendimento, la calibrazione degli interventi sulla base dei livelli raggiunti, con l’obiettivo di promuovere un apprendimento significativo e valido, e che quest’ultimo vada a sfociare in vere e proprie competenze.

 

La formazione è personalizzata quando viene progettata in modo tale che ogni persona vi trovi gli strumenti e i metodi per poter costruire il proprio personale percorso verso un obiettivo. 

Infatti gli obiettivi sono quasi sempre condivisibili e condivisi: leadership, delega, comunicazione, innovazione, proattività. 

I manuali di competenza sono adatti per descrivere l’esercizio della competenza, ma descrivono come si comporta una persona che agisce, cioè che già possiede quella determinata competenza.

Come fa la persona a raggiungere il risultato, a maturare la competenza dentro di sé, tenendo conto delle sue personali caratteristiche, risorse, esperienze?

Questa domanda risulta importante soprattutto in ambito sicurezza. Un corso di formazione che si limita a mostrare l’importanza di un passaggio da svolgere, senza chiarirne il vero valore, senza far sì che chi guarda lo interiorizzi, lascia il tempo che trova.

 

La metodologia del self empowerment, applicata in ambito formativo, ci consente di far sì che ogni persona percorra il cammino verso il risultato condiviso tenendo conto di come è fatta. Questo è il fattore vincente. Tanto più che le cosiddette competenze spesso sono in realtà conglomerati complessi, che investono inevitabilmente parti rilevanti della persona.