Riduzione di sicurezza e... di personale

Riduzione di sicurezza e... di personale

  • Data:
  • News

“…come l’evento incidentale che ha causato la morte dei sette operai si sia verificato con tale ritardo, viste le condizioni in cui funzionava l’impianto, ovvero in palese violazione con ogni norma di sicurezza. Tutto quanto era umanamente possibile per rendere probabilissimo il disastro era stato fatto o omesso dall’azienda con incredibile e costante pervicacia. Una volta partito, la dinamica dell’evento incidentale è stata inevitabile, dati gli strumenti e la formazione dati agli operai a quali nulla si può imputare se non l’aver accettato, per non perdere il posto di lavoro, di lavorare in un impianto in simili condizioni”.

 

“Secondo fonti di polizia si sarebbe cercato di spegnere le fiamme con estintori e una manichetta d'acqua che, a contatto con idrogeno liquido e olio refrigerante, avrebbe provocato la fiammata. Ma gli stessi operai intervenuti per il primo soccorso parlano di estintori vuoti e idranti mal funzionanti, in questo supportati da un comunicato della Rsu di Fim, Fiom e Uilm che smentisce, per ora, «eventuali ricostruzioni dei fatti e della dinamica del grave incidente. Solo chi era lì può sapere con certezza cosa è successo»”.

 

“Da quanto emerso nel corso degli accertamenti si può quindi affermare che numerose persone che avevano compiti specifici in materia di prevenzione incendi e lotta antincendio, rappresentate sia dagli operai addetti alle linee di produzione che per primi dovevano intervenire se vedevano un incendio sia lavoratori che facevano parte della squadra di emergenza o addirittura i loro responsabili (come Rocco Marzo) non hanno ricevuto alcuna formazione in materia antincendio”.

 

I presenti spezzoni riguardano l’incidente avvenuto alla fabbrica Thyssenkrupp di Torino, nel 2007.

Persero la vita sette operai, che evitarono di fuggire dal proprio luogo di lavoro per provare fino alla fine a domare l’incendio che gli è costato la vita. 

Nessuno di loro possedeva una adeguata formazione antincendio, eppure tutti si sono dati da fare per difendere la fabbrica e per timore di perdere l’impiego. 

Le misure di sicurezza erano state ridotte al minimo al fine di evitare che il processo di produzione venisse interrotto anche soltanto per sbaglio.

Ridurre le misure di sicurezza e non erogare una formazione adeguata è un investimento?

 

 

 

Fonti: https://www.researchgate.net/publication/312948785_Alcuni_fatti_sull'incendio_Thyssen_Krupp_Conclusioni

http://staff.polito.it/massimo.zucchetti/Relazione_Thyssen_Zucchetti.pdf