Sicurezza e Strategy

Sicurezza e Strategy

  • Data:
  • News

Deliveroo è un’azienda che nasce in Inghilterra e si occupa di portare cibo a domicilio. Offrendo una consegna veloce e affidabile, che il cliente può monitorare dal proprio cellulare, Deliveroo ha visto una crescita dei ricavi di oltre il 650%. Inoltre, i ristoranti partner riescono ad aumentare i loro ricavi del 30%, creando moltissimi posti di lavoro nel settore della ristorazione.

Ma la categoria è ormai da tempo in subbuglio. A marzo erano scesi dalle bici i fattorini di Bologna, che avevano organizzato un presidio di fronte ad un McDonald’s, esprimendo il malcontento per le proprie condizioni lavorative.

Il 4 ottobre 2019 il ministro del Lavoro Nunzia Catalfo ha annunciato un accordo sui rider, vale a dire sui fattorini che consegnano il cibo a domicilio viaggiando a bordo di una bici per conto di piattaforme online, come Deliveroo appunto. Il governo presenterà in Parlamento un emendamento al cosiddetto “decreto crisi”. Esso prevede – secondo quanto riferito dall’agenzia Ansa – “per i ciclofattorini impiegati in maniera continuativa le tutele del lavoro subordinato. Mentre per coloro che lavorano in maniera occasionale ci sarà un pacchetto minimo di diritti inderogabili”.

Il sindacato aveva denunciato “l’atteggiamento di totale chiusura tenuto da Deliveroo, che in questi mesi è arrivata persino a peggiorare le condizioni dei lavoratori. È inaccettabile che invece dei diritti ci arrivino notizie come quella di Marco, ciclofattorino romano, che ha subito l’asportazione della milza a seguito di un incidente durante una consegna”.

Divieto di cottimo, paga minima oraria, salute e sicurezza, tutele previdenziali. In poche parole, viene combattuta la frontiera del lavoro sottopagato e mal regolato. Soprattutto per quanto riguarda la sicurezza e la salute. 

 

In attesa che vengano concretizzati i provvedimenti legislativi in merito ai Deliveroo ed altre piattaforme affini, una possibile soluzione viene proposta da un gruppo di studenti di Camerino: si tratta di Stay Lock, un supporto indossabile per gli zaini. La sua principale funzionalità è quella di andare a ridurre il carico portato sulla schiena, che con il tempo può giungere a creare problemi di postura e arrecare dolori nella zona lombare. Stay Lock assicura un'ottimizzazione del carico distribuendo in maniera uniforme il peso su schiena e spalle. Stay Lock blocca il contenitore per le consegne attraverso una fascia elastica regolabile intorno alla vita. L’obiettivo del gruppo di studenti è ora impiegare il premio di 2.000 sterline – ottenuto in qualità di vincitore nazionale – per sviluppare ulteriormente il progetto e portare sul mercato il prodotto commercializzabile.

 

Fonte: https://valori.it/deliveroo-ciclofattorini-rider/

 

https://www.dday.it/redazione/32429/james-dyson-award-2019-annunciati-il-vincitore-e-i-finalisti-della-fase-nazionale-del-concorso